Cordless o a rubinetto? Gli idropulsori su misura per chi viaggia

Non c’è un solo idropulsore in commercio. Di questi pratici apparecchi per la pulizia dei denti e l’igiene orale ne esistono di diversi tipi. Il più popolare e venduto è rappresentato dal modello della tipica ‘doccia dentale’ provvista di uno o più ugelli ad uso soggettivo o plurimo per tutta la famiglia. Sono gli apparecchi più completi e richiesti, in quanto stazionano in bagno e vengono usati ogni volta che si ha l’abitudine di lavare i denti, mattina, sera e dopo mangiato. Sono dotati di più opzioni di velocità per regolare la pressione del flusso idrico, dando la possibilità all’utilizzatore di adattarlo alle proprie esigenze. Per non danneggiare le gengive, si può azionare una pressione inferiore che equivale a una sorta di massaggio più delicato.

In genere, la gamma delle regolazioni oscilla fra 6 e 10 posizioni diverse proprio per offrire più chance di regolazione in modo da venire incontro ai bisogni dell’utente. D’altronde, per potersi dotare di un apparecchio su misura, si possono acquistare apparecchi di diverse forme e capienza. Più un idropulsore è grande e maggiore sarà la capacità del suo deposito per l’inserimento della riserva idrica, il che presuppone una durata maggiore del quantitativo di acqua senza doverlo ricaricare a intervalli frequenti.

Nei modelli più accessoriati si riscontrano impugnature ergonomiche e la possibilità di mettere in pausa l’apparecchio in un’ottica ‘anti spreco’.

Ai fissi si affiancano sul mercato gli idropulsori portatili, il cui successo si deve alla forte domanda da parte di utenti che necessitano di questi strumenti anche outdoor. Quando ci si sposta l’ideale è mettere in valigia o nello zaino fra gli effetti personali anche l’idropulsore, che rispetto a quello da bagno dovrà essere necessariamente più piccolo, compatto e cordless. La portabilità è una priorità per chi viaggia e l’igiene orale non può aspettare, di qui la necessità di dotarsi di micro-idropulsori elettrici in grado di soddisfare il bisogno di pulirsi bene i denti anche fuori casa. I modelli wireless sono ovviamente di dimensioni ridotte, oltre ai classici modelli con serbatoio, anche quello limitato con lo svantaggio di doverlo riempire frequentemente. Si possono scegliere anche altre soluzioni, come i comodi idropulsori a rubinetto che si approvvigionano di acqua senza bisogno di caraffa, direttamente dal miscelatore del bagno.