Multimetri, come si suddividono in categorie

Perché un multimetro non dovrebbe mai mancare nella cassetta degli attrezzi? Vada per un elettricista, ma un utente qualsiasi cosa può farsene di un tester? Ebbene questo strumento può essere utile a tutti in ogni momento e vedremo perché, cercando di capire innanzitutto a cosa serve. Il multimetro è un apparecchio di misurazione dei valori elettrici ed elettronici di un impianto, ma anche di un elettrodomestico per testarne, ad esempio, la corretta funzionalità. Oggi, poi, con i moderni multimetri digitali, le funzioni si sono moltiplicate dando la possibilità di spaziare fra più optional che hanno reso l’apparecchio ancora più performante. Intanto, la funzione basica di un buon tester è quella di ravvisare eventuali malfunzionamenti o anomalie del proprio impianto elettrico.

Chi non desidera tenere sotto controllo la situazione impiantistica della dimora dove vive per poter stare tranquillo senza dover temere corti circuiti o altri incidenti domestici? Tutti vogliono che tutti fili liscio, ma quando si ha a che fare con la corrente c’è poco da scherzare. Con il multimetro si può verificare, in ogni momento, che sia tutto a posto e se c’è qualche problema sarà lo stesso tester a dirci cosa fare, una volta individuata l’anomalia. Infatti, il multimetro stabilisce i valori delle grandezze elettriche, è in grado di diagnosticare i circuiti e ci informa sulle misurazioni delle resistenze. In pratica, fa il check up all’impianto per la tranquillità di chi ne è servito. Ma come è fatto un tester? Si presenta, generalmente, sotto forma di un piccolo apparecchio dotato di display, se digitale, mentre se si tratta di un modello analogico avrà il puntatore che si attesta sulla scala dei valori fermandosi su quello calcolato.

Da una manopola si selezionano i vari parametri di cui si vuole conoscere il valore o l’intensità, dalla resistenza alla tensione, mentre le sonde dello strumento sono allocate su due porte (positiva e negativa). Non esiste un solo tipo di multimetro, ma ben 4 categorie individuate sulla base degli standard comunitari. Si parte dalla prima categoria, che si attesta su tensioni e potenze ai livelli più bassi per scalare la scaletta dei gradi che si ferma al quarto gradino, dove si piazza la categoria impiegata per il calcolo delle potenze più alte. Molto altro sui tester di nuova generazione potrete trovarlo sul portale web www.guidamultimetro.it.